Lo Stemma Comunale

Nel comporre lo stemma del Comune si è tenuto conto sia dei fatti più salienti della storia di Muzzana, sia delle sue caratteristiche locali.

Nello stemma i colori nero e rosso delle due partiture intendono simboleggiare rispettivamente il dolore e i lutti, che i fatti della storia portarono agli abitanti di Muzzana, e lo spargimento di sangue nelle numerose battaglie alle quali i muzzanesi presero parte.

L'elmo d'argento trafitto nella visiera dalle frecce vuole ricordare in modo particolare quello che fu l'episodio più tragico della storia del paese, ossia la crudele rappresaglia degli imperiali avvenuta nel 1514.

Il cartiglio d'oro con la scritta: "IN VILLA MUCIANA A.D. 824" si riferisce al diploma di Lodovico il Pio, che è il documento nel quale compare per la prima volta il nome di Muzzana.

Infine, per rappresentare in forma araldica le caratteristiche geografico fisiche della località, sono state disegnate nello stemma tre canne a ricordo delle antiche paludi, oggi trasformate in fertili campi, simboleggiati appunto dalle tre spighe poste nella seconda partitura.