Italiano

Arte

La Chiesa parrocchiale di S. Vitale è un edificio in stile neoclassico, con ampia, alta navata e solenne transetto, arricchito da maestose colonne binate e concluso da una cupola. La mossa facciata, ricoperta di lastre di pietra, con funzione soprattutto scenografica, ha nella lunetta sopra il portale un Cristo Pastore buono, eseguito dalla Scuola Mosaicisti di Spilimbergo (1954) su disegno di Fred Pittino.

All'interno, altare maggiore in marmo con pregevole tabernacolo (XVIII secolo) e statue dei Santi Gervasio e Protasio ai lati; nel paliotto della mensa, bassorilievo con Eucarestia e cherubini.

Dei quattro altari laterali, i due della navata sono gemelli ed appartengono ad altarista friulano tra Sette ed Ottocento: in quello di sinistra, dedicato alla Madonna del Rosario, paliotto con bassorilievo in marmo, Misteri del Rosario dipinti nei quindici tondi e malandata pala con S. Girolamo nel deserto; in quello di destra, statua recente di S. Antonio. La Via Crucis, in bassorilievo ligneo, pare opera dello scultore Giovanni Costantini (secolo XX).

Il pezzo di maggior valore è il monumentale organo nella parete d'ingresso; è opera del 1750 del dalmata Pietro Nacchini (nato nel 1694), costruito per la chiesa di S. Maria Maddalena di Udine e giunto a Muzzana dopo le soppressioni napoleoniche. E' uno dei più importanti organi conservati in Friuli, ancora aprezzatissimo dagli esperti per la voce straordinaria e la perfezione dei suoni. Sopra la tastiera, si può leggere una preziosa iscrizione sul modo di combinare i registri, suggerita dallo stesso Nacchini.

Il campanile che affianca la chiesa, in cotto, ha una bella copertura a pigna che gli dà un tocco d'antichità.