PRIVACY

Il comune di Muzzana del Turgnano garantisce che il trattamento dei dati che dovessero pervenire via posta elettronica o moduli elettronici è conforme a quanto previsto dalla normativa sulla privacy.

 Comunicato stampa del Consiglio dei Ministri n. 75 del 21 marzo 2018

"Disposizioni per l’adeguamento della normativa nazionale alle disposizioni del Regolamento (UE) 2016/679 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 27 aprile 2016, relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati personali, nonché alla libera circolazione di tali dati, e che abroga la direttiva 95/46/CE (Regolamento generale sulla protezione dei dati) (decreto legislativo – esame preliminare)"

Il Consiglio dei Ministri, su proposta del Presidente Paolo Gentiloni e del Ministro della giustizia Andrea Orlando, ha approvato, in esame preliminare, un decreto legislativo che, in attuazione dell’art. 13 della legge di delegazione europea 2016-2017 (legge 25 ottobre 2017, n. 163), introduce disposizioni per l’adeguamento della normativa nazionale alle disposizioni del Regolamento europeo relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati personali, nonché alla libera circolazione di tali dati.

A far data dal 25 maggio 2018, data in cui le disposizioni di diritto europeo acquisteranno efficacia, il vigente Codice in materia di protezione dei dai personali, di cui al decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196, sarà abrogato e la nuova disciplina in materia sarà rappresentata principalmente dalle disposizioni del suddetto Regolamento immediatamente applicabili e da quelle recate dallo schema di decreto volte ad armonizzare l’ordinamento interno al nuovo quadro normativo dell’Unione Europea in tema di tutela della privacy.

Per approfondimenti: Garante per la protezione dei dati personali

 Il nuovo Regolamento Europeo n. 679/2016

Il 4 maggio 2016 sono stati pubblicati sulla Gazzetta Ufficiale dell'Unione Europea (GUUE) i testi del Regolamento europeo in materia di protezione dei dati personali e della Direttiva che regola i trattamenti di dati personali nei settori di prevenzione, contrasto e repressione dei crimini.

Il 24 maggio 2016 è entrato ufficialmente in vigore il Regolamento, che diventerà definitivamente applicabile in via diretta in tutti i Paesi UE a partire dal 25 maggio 2018.

Si ricorda infatti che che i regolamenti UE sono immediatamente esecutivi, non richiedendo la necessità di recepimento da parte degli Stati membri. Per lo stesso motivo essi possono garantire una maggiore armonizzazione a livello dell’intera UE.

L’entrata in vigore di questo Regolamento permetterà che le la medesima normativa sia contemporaneamente in vigore in ventisette stati membri UE uniformandoli sotto un’unica disciplina.

  

TITOLARE DEL  TRATTAMENTO

Il Titolare del trattamento è il Comune di Muzzana del Turgnano, con sede in via Roma, 22, in persona del sindaco pro tempore Erica Zoratti

 

RESPONSABILE DELLA PROTEZIONE DEI DATI (RDP/DPO)

Il Comune di Muzzana del Turgnano, con deliberazione di Giunta comunale n. 80 del 16 maggio 2018, ha ritenuto necessario ed opportuno stabilire modalità organizzative, misure procedimentali e regole di dettaglio che permettano all'Ente stesso di poter agire con le migliori adeguate funzionalità ed efficacia possibili, tenuto conto della dimensione dell’Ente e delle disponibilità di bilancio, approvando gli indirizzi contenenti le indicazioni operative, al fine di permettere a questa Amministrazione di provvedere con immediatezza all’attuazione del Regolamento UE n. 679/2016.

Il Comune di Muzzana del Turgnano, ai sensi dell’art. 37 del regolamento UE n. 679/2016 "Designazione del responsabile della protezione dei dati", ha designato quale Responsabile della protezione dei dati (RPD-DPO Data Protection Officer), con decreto sindacale n. 5 del 28 maggio 2018, la dott.ssa Gloriamaria Paci,  dello Studio Paci e C. srl con sede in via Edelweiss Rodriguez Senior, 13 - 47924 Rimini - contattabile al seguente recapito: mail: dpo@studiopaciecsrl.it e telefono: 0541-1795431.

 

L'art. 39 "Compiti del responsabile della protezione dei dati", prevede che il responsabile della protezione (DPO) sia incaricato almeno dei seguenti compiti:

•       informare e fornire consulenza al titolare del trattamento o al responsabile del trattamento nonché ai dipendenti che eseguono il trattamento in merito agli obblighi derivanti dal presente regolamento nonché da altre disposizioni dell’Unione o degli Stati membri relative alla protezione dei dati;

•       sorvegliare l’osservanza del presente regolamento, di altre disposizioni dell’Unione o degli Stati membri relative alla protezione dei dati nonché delle politiche del titolare del trattamento o del responsabile del trattamento in materia di protezione dei dati personali, compresi l’attribuzione delle responsabilità, la sensibilizzazione e la formazione del personale che partecipa ai trattamenti e alle connesse attività di controllo;

•       fornire, se richiesto, un parere in merito alla valutazione d’impatto sulla protezione dei dati e sorvegliarne lo svolgimento ai sensi dell’articolo 35;

•       cooperare con l’autorità di controllo;

•       fungere da punto di contatto per l’autorità di controllo per questioni connesse al trattamento, tra cui la consultazione preventiva di cui all’articolo 36, ed effettuare, se del caso, consultazioni relativamente a qualunque altra questione.

 

dott.ssa Gloriamaria Paci - Studio Paci e C. srl

Indirizzo: via Edelweiss Rodriguez Senior, 13 - 47924 Rimini ☎ Tel.: : 0541-1795431

E-mail: dpo@studiopaciecsrl.it

PEC: studiopaciecsrl@pec.it

 

RESPONSABILI DEL TRATTAMENTO

I Responsabili interni del trattamento sono nominati con Decreto sindacale n. 8 del 21/12/2020 ciascuno per l’Area di Trattamento di competenza

 

NOMINATIVO       AREA DI APPARTENENZA/TRATTAMENTO

Daniela CORSO   Area Amministrativa

Sonia DOMENIGHINI       Area Economico-Finanziaria

Fabio MANIERO   Area Tecnico-Manutentiva e Datore di Lavoro

Gabriele DRI    Area Urbanistica – Edilizia Privata

Maria Grazia PORTALE    P.O.A. Ambito Distrettuale di Latisana (in convenzione capofila il Comune di Latisana)

Monica MICOLINI         Area Vigilanza (TRASFERITA ALLA COMUNITA' RIVIERA FRIULANA)

Luisa CANTARUTTI        Direttore Generale Uti/Comunità Riviera friulana in Convenzione)

 

INFORMATIVA SUL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI

Il Comune di Muzzana del Turgnano, alla luce del nuovo Regolamento, ha aggiornato la propria Informativa sulla privacy. Le modifiche introdotte con la nuova informativa consentono di essere conformi agli standard dello stesso regolamento e non modificano, di fatto, le finalità e le modalità con le quali sono stati finora trattati i dati personali.

In particolare, nel rispetto dei principi di trasparenza e chiarezza espositiva, sono indicate con maggiore dettaglio le categorie dei dati personali trattati, le fonti dalle quali gli stessi possono essere ottenuti, le finalità dei trattamenti effettuati, nonché alcuni dettagli su ciò che l'interessato può fare relativamente ai propri dati e le modalità di esercizio dei propri diritti.

Informativa generale ai sensi degli artt. 13 e 14 del Regolamento UE n. 2016/679 (Regolamento per la protezione dei dati)

 

AREA AMMINISTRATIVA

Informativa Area Amministrativa - Servizi segreteria 

Informativa Area Amministrativa - Servizi demografici - Protocollo - Elettorale e Cimiteriali

AREA ECONOMICO-FINANZIARIA

Informativa Area Tributi e Ragioneria

AREA TECNICA: LAVORI PUBBLICI E MANUTENZIONI - URBANISTICA  E GESTIONE DEL TERRITORIO

Informativa Area Tecnica Ufficio Lavori Pubblici e Manutenzioni

Informativa Area Tecnica Ufficio Urbanistica e Gestione del Territorio

 

DIRITTI DELL'INTERESSATO

L’interessato potrà, in qualsiasi momento, esercitare i seguenti diritti:

- di accesso ai dati personali

- di ottenere l’aggiornamento, la rettifica, l’integrazione dei dati incompleti

- di ottenere la cancellazione dei dati, la trasformazione in forma anonima degli stessi o il blocco dei dati trattati in violazione di legge

- di ottenere l’attestazione che eventuali modiche o cancellazioni sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati, salvo quanto previsto dalla legge

- di ottenere la limitazione del trattamento

- di opporsi al trattamento alla portabilità dei dati

- di revocare il consenso, ove previsto: la revoca del consenso non pregiudica la liceità del trattamento basata sul consenso conferito prima della revoca

- di proporre reclamo all'autorità di controllo (Garante per la Protezione dei Dati personali).

Per fare ciò, si rende disponibile in calce il "Modello di esercizio dei diritti dell'interessato".

INFORMATIVA PRIVACY PER CONTROLLO DEL GREEN PASS DAL 1° FEBBRAIO 2022

Informativa trattamento di dati personali effettuato nel contesto delle Misure urgenti per la graduale ripresa delle attività economiche e sociali nel rispetto delle esigenze di contenimento della diffusione dell'epidemia da COVID-19

 

VERIFICA CERTIFICAZIONI VERDI COVID-19 (Green Pass “Base” – Green Pass “Rafforzato”)

Ai sensi dell’art. 13 del Regolamento (UE) 679/2016 (GDPR) La informiamo che per accedere ai luoghi in cui il personale o altri soggetti svolgono,  a  qualsiasi  titolo,  la  propria  attività lavorativa, di formazione o di volontariato, compresi anche amministratori locali nell’esercizio delle loro funzioni, in ossequio alle disposizioni del DECRETO-LEGGE 22 aprile 2021, n. 52 “Misure urgenti per la graduale ripresa delle attività economiche e sociali nel rispetto delle esigenze di contenimento della diffusione dell'epidemia da COVID-19, del DECRETO-LEGGE 1 aprile 2021, n. 44

Misure urgenti per il contenimento dell'epidemia da COVID-19, in materia di vaccinazioni anti SARS-CoV-2, di giustizia e di concorsi pubblici” nonché delDECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 17 giugno 2021 Disposizioni attuative dell'articolo 9, comma 10, del decreto-legge 22 aprile 2021, n. 52 e S.M.I., è necessario procedere alla verifica del possesso e validità delle Certificazioni verdi Covid 19 (Green Pass base) o Certificazioni verdi Covid 19  di cui all'articolo 9, comma 2, lettere a), b) e c-bis), del decreto-legge n. 52 del 2021 (Green Pass rafforzato).

Per la verifica di tali certificazioni, l’addetto al controllo visualizzerà ed inquadrerà il Certificato Verde – base o rafforzato, a seconda delle disposizioni normative in materia - tramite l’apposita applicazione per Smartphone “VerificaC19”, che restituirà esclusivamente lo stato di validità o invalidità del certificato, nome, cognome soggetto possessore, senza lasciare ulteriori informazioni né altre tracce informatiche sullo strumento. La verifica di cui sopra potrà essere altresì effettuata attraverso l’utilizzo di specifici portali e piattaforme web previsti dalla normativa vigente (ad es Servizio INPS 50+”). Qualora la normativa preveda la verifica del Green Pass Rafforzato, verranno trattate indirettamente anche informazioni relative allo stato di vaccinazione o alla guarigione da infezione Covid, contestualmente alle informazioni ricavabili indirettamente dalla normativa vigente se prescrive l’obbligo a determinate categorie di soggetti.

Ove la verifica sia effettuata con l’app VerificaC19, l’addetto potrà altresì legittimamente chiederle l’esibizione di un documento di identità per verificare l’intestazione della certificazione esibita. Qualora Lei sia sprovvisto o si rifiuti di esibire la certificazione verde o il documento di identità, ovvero - in sede di verifica - la stessa risulti non valida, i Suoi dati personali saranno comunicati al dirigente competente e/o Segretario Comunale, mediante apposito atto scritto (o altra forma prevista nelle procedure interne) per adottare ogni atto di legge conseguente alla inosservanza degli obblighi di legge previsti per l’accesso ai luoghi di lavoro. E’ altresì prevista la comunicazione degli atti relativi alla violazione al Prefetto per l’irrogazione delle sanzioni previste dal DL 52/2021 e dal DL 19/2020.

Ai sensi del DL 127/21, convertito con modificazioni dalla L. 19 novembre 2021, n. 165, è altresì possibile che il lavoratore consegni una copia della propria Certificazione Verde Covid 19. I lavoratori che consegneranno la predetta certificazione, per tutta la durata della relativa validità, saranno esonerati dai controlli sopra indicati. Ricevuta la certificazione, verrà creato un apposito registro delle scadenze; certificazioni e registro scadenze saranno archiviati, limitatamente al persistere dello Stato di emergenza, in luoghi sicuri accessibili solamente al datore di lavoro ed agli addetti al controllo.

Il trattamento delle informazioni di cui sopra non richiede il consenso dell’interessato ed è lecito ai sensi dell’art. 6 par. 1 lett. C) del Reg. 679/16, ovvero in attuazione degli obblighi di cui al Decreto-legge 52/2021 e Decreto-legge 44/2021. Il trattamento di dati particolari (ad. es. stato di salute) avviene ai sensi dell’art. 9 par. 2 lett. G) del GDPR, cioè per motivi di interesse pubblico rilevante sulla base del dritto dell’Unione o degli Stati membri. Nel caso di consegna delle certificazioni verdi, la base giuridica è il consenso dell’interessato (art. 6 par. 1 lett. A ed art. 9 par. 2 lett. A del GDPR).

La informiamo che i dati non saranno trasferiti in paesi extra UE e saranno trattati, per le finalità sopra esposte, da Incaricati interni autorizzati dal Titolare (adeguatamente formati e responsabilizzati in merito al contenuto delle informazioni trattate).

Il Titolare del trattamento è il Sindaco, Erica Zoratti, in persona del legale rappresentante pro tempore.

Presso il Titolare è stato nominato un Responsabile della Protezione Dati (DPO), che potrà fornire ogni ulteriore informazione sul trattamento: il nominativo, i dati di contatto del DPO e la modulistica per esercitare i diritti ai sensi degli articoli 15 e seguenti del GDPR, sono disponibili sul sito web dell’Ente: http://www.comune.muzzanadelturgnano.ud.it ovvero presso gli uffici amministrativi.

Muzzana del Turgnano, 1 febbraio 2022